Andrà tutto bene: i consigli dei Pediatri sull’emergenza coronavirus
Marzo 13, 2020 245 Visualizzazioni

Andrà tutto bene: i consigli dei Pediatri sull’emergenza coronavirus

Andrà tutto bene: i consigli dei Pediatri sull’emergenza coronavirus

La Società italiana di pediatria pubblica un documento e specifica l’importanza che anche i bambini seguano tutte le misure di prevenzione e igiene consigliate dalle autorità sanitarie per gli adulti.

La SIP aggiunge che le misure igienico sanitarie “vanno rispettate con precisione“, dice inoltre che in casa ci sono tante cose da fare e che “ogni mamma e papà ne saprà inventare una giusta per il proprio bambino”, nonostante poi dia ampi suggerimenti.

I medici pediatri descrivono anche tutto un elenco di attività che si possono svolgere in casa con i propri bambini, tra queste anche guardare la tv responsabilmente e leggere ovviamente dei libri, di cui si allega anche la bibliografia dei testi per fasce d’età.

NOI riportiamo integralmente il documento, che puoi leggere anche direttamente qui: Coronavirus i consigli dei pediatri

crossoversport covid 19

I consigli dei pediatri su come affrontare al meglio l’emergenza coronavirus

A) Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 1 minuto cantando due volte “tanti auguri a te”e ricordarsi di chiudere il rubinetto dell’acqua con un fazzolettino di carta

B) Aiutare il bambino a non toccare occhi, naso e bocca con le mani non lavate

C) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di tosse, raffreddore o mal di gola

D) Evitare abbracci e strette di mano; non far baciare il bambino da nessuno

E) È necessario che anche il bambino stia a distanza di almeno un metro da chiunque

F) Farlo starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie, se non si riesce e si sporca le manine provvedere a lavargliele subito con acqua e sapone

G) Evitare di scambiarsi bottiglie, bicchieri e posate, ognuno adoperi la sua

H) Pulire le superfici dove il bambino gioca o studia con disinfettanti a base di alcol (etanolo) al 75% o a base di cloro all’1% (candeggina)

I) Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate

L) I bambini, come gli adulti, devono in questo momento restare a casa, non è consigliabile la passeggiata al parco specie se ci sono altri bambini o adulti. Comprendiamo che non è facile tenere i bambini in casa ma adesso è necessario, anche perché i bambini possono trasmettere l’infezione ai nonni, e per i nonni è pericolosa

M) É importante spiegare ai bambini (in modo adeguato al grado di comprensione e alla maturità emotiva di ciascun soggetto) ciò che sta avvenendo intorno a loro. Non ricevere spiegazioni dagli adulti in un contesto di tensione ben percepibile rischia infatti di generare un’ansia ancora maggiore rispetto a quella che può generare una consapevolezza ben gestita

N) Attenzione agli Smartphone. Pulire accuratamente i dispositivi almeno una volta al giorno e evitare di farli utilizzare da altre persone, anche della stessa famiglia, contemporaneamente. Evitare di passare di mano il telefonino durante una chiamata alla sorella o alla mamma. La maggior parte dei produttori di dispositivi elettronici confermano che la prima cosa da fare per pulire il proprio smartphone, dopo averlo spento e aver staccato eventuali cavi attaccati, è passare un panno morbido di quelli senza pelucchi. Per quanto riguarda le cover dei telefoni, vanno pulite anche quelle — i normali prodotti detergenti che avete in casa andranno bene

O) Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico. Non esistono farmaci nè vitamine che possono fermare o prevenire l’infezione. Se il bambino ha la febbre, restate a casa, somministrate i soliti farmaci antipiretici (paracetamolo) e avvertite al telefono il vostro pediatra senza recarvi però al suo studio nè tantomeno al pronto soccorso. Il pediatra al telefono saprà consigliarvi su cosa fare

P) Non c’è nessuna necessità di modificare la dieta, nessun alimento può servire per contrastare il virus. Infine prima di pensare di uscire a fare una passeggiata facciamoci questa domanda “È davvero necessario spostarmi?” La risposta di ognuno di noi deve tener conto della salute di tutti noi

Cosa si può fare a casa ?

Possiamo fare tante di quelle cose…Ad esempio cercare tra le cose vecchie, e trovare qualcosa da mostrare ai nostri bambini di come eravamo, come giocavamo, dove siamo andati in vacanza.

O leggere assieme, guardare atlanti, o perché no anche un libro di cucina. O ancora sentire musica, scegliendo quello che ci piace e che può piacere.

O giocare, con giochi vecchi, giochi nuovi o anche nessun gioco, solo quello che troviamo in giro: tappi di sughero, scatole di cartone, spaghi, carta colorata, colla, plastilina.

O guardare dalla finestra e commentare, quello che si vede e quello che non si vede più.

O usare, questa volta bene, il cellulare, per chiamare i nonni e chiedere come stanno, o l’amico della scuola. Insomma, non bisogna per forza ricorrere alle cose pronte, video, audio o altro.

Ci si può fare venire qualche idea da soli, sarà più divertente.

La tv può aiutare: su sette canali del digitale terrestre da 40 a 46 ci sono trasmissioni per bambini e ragazzi. I genitori li guardino e scelgano per l’età. Sul 43 (Rai Yoyo) alle 16.20 c’è di nuovo l’Albero Azzurro per bambini fra i 4 e i 7 anni, un bel programma che forse molti genitori hanno visto da bambini.

I libri sono molto utili ecco una breve bibliografia per fasce di età 0-10 anni:

Da 0 a 3 anni

  • Le mutande di orso bianco, Tupera Tupera, Salani Editore, 2015 (0-3 anni)
  • Panda e pandino cosa fanno?, Satoshi Iriyama, Terre di mezzo, 2020 (0-3)
  • I trullallini, Teresa Porcella, Giulia Orecchia, Zerotre, 2018, (0-3)

Da 3 a 6 anni

  • Ho visto una talpa, Chiara Vignocchi e Silvia Borando, Minibombo, (3-6)
  • I miei vicini, Einat Tsarfati, Il castoro, 2020, (3-6)
  • Incredibile come te!, Rhys Brisenden, Edizioni Clichy, 2019, (3-6)
  • Bertolt, J. Godstyn, Lupoguido, 2020, (3-6)

Da 6 anni in su

  • Il peggior compleanno della mia vita, Benjamin Chaud, Terre di Mezzo, 2017 (6+)
  • Il posto segreto, Susanna Mattiangeli e Felicita Sala, Lupoguido, 2019 (6+)
  • Ti aspettavo da tanto, Olivier Tallec, Edizioni Clichy, 2019 (6+)

Segue la lista e le firme dei medici pediari:

  • GENEROSO ANDRIA pediatra emerito Università Federico II, Napoli
  • GIANCARLO BIASINI pediatra emerito ospedale Bufalini, Cesena
  • GIOVANNI CORSELLO pediatra Università degli studi, Palermo
  • DANIELE DE BRASI pediatra ospedaliero Santobono Napoli, associazione culturale pediatri Campania
  • STEFANIA MANETTI pediatra di famiglia piano di Sorrento, Napoli,
  • PAOLO SIANI pediatra ospedaliero, Santobono, e parlamentare, Napoli
  • GIORGIO TAMBURLINI pediatra e presidente del centro salute del bambino,
  • Trieste ALBERTO VILLANI pediatra ospedaliero, Bambino Gesù, presidente società italiana di pediatria, Roma
  • FEDERICA ZANETTO pediatra di famiglia Presidente associazione culturale pediatri, Milano

 

Previous Il maestro Gichin Funakoshi e il suo "shoto-niju-kun"
Next Emergenza Coronavirus: pagamento tutor progetto Sport di Classe

Può interessarti anche

Attualità

Insegnanti affascinanti. Umberto Galimberti al Forum Monzani di Modena

Il nostro sito necessita anche della voce autorevole di Umberto Galimberti, soprattutto quando questa voce si prodiga per la nostra categoria, infatti quando sentiamo dire che occorrono “insegnanti affascinanti” veniamo

Attualità

Perché gli attori sono atleti della recitazione

Se pensiamo al lavoro fisico al quale si sottopone volontariamente un attore, per interpretare un film, oppure una rappresentazione teatrale, o addirittura un musical, ci appassioniamo al punto tale da

Attualità

Alberto Zangrillo a Rete 4: “Il clima descritto dalla stampa non è realistico”

Il prof. Alberto Zangrillo, Prorettore dell’Università San Raffaele, torna in TV per calmare gli animi e spiegare la reale situazione degli ospedali: “Il clima descritto dalla stampa non è realistico.