ASI al Governo, misure economiche inadeguate per emergenza Covid-19
Marzo 15, 2020 222 Visualizzazioni

ASI al Governo, misure economiche inadeguate per emergenza Covid-19

Anche il senatore Claudio Barbaro ha fatto sentire la sua voce in merito all’emergenza nella quale si trovano oggi tutti i centri sportivi italiani.

Un’emergenza coronavirus che non ha risparmiato nessuno, figuriamoci il mondo dello sport e tutto il settore a supporto.

Il presidente dell’ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane), che é un Ente di Promozione sportiva riconosciuto dal CONI, richiede nuovamente un incontro con il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora.

L’obiettivo é quello di “affrontare la situazione di estrema urgenza in cui si trovano i settori del fitness e del wellness, all’indomani delle nuove misure straordinarie previste dal Governo che ignorano del tutto il mondo dello sport”.

ASI  (già Alleanza Sportiva Italiana) è uno dei più importanti e rappresentativi Enti di Promozione Sportiva e, sin dalla sua costituzione (1994), è riconosciuto dal CONI.

ASI EPS CONI

Segue Comunicato dell’ASI

Le anticipazioni sulle misure economiche ventilate dal Governo, per sostenere il comparto sportivo, appaiono inadeguate e insufficienti.

C’è solo una strada per sostenere un settore che coinvolge venti milioni di italiani: dare seguito alla richiesta di un tavolo tra Governo, istituzioni sportive e operatori: un mondo finora clamorosamente ignorato.

La nostra richiesta d’incontro è ormai vecchia di giorni: trascurare il mondo dello sport e chi lo promuove rappresenta non solo una grave mancanza ma anche un autogol per quanto gli operatori potranno consigliare a chi deve decidere sulle sorti di un settore – così utile anche per la collettività con i suoi risvolti sociali, legati al benessere psicofisico – ormai in ginocchio.

Solo per il comparto del fitness è stimato il dato di oltre 45 milioni di euro il danno economico a settimana in questo periodo di emergenza epidemiologica.

Il mondo dello sport vuole essere ascoltato e trasmettere la propria esperienza.

Convegno ASI

E con forza continua a sostenere l’esigenza di:

  • Misure di sostegno alle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche
  • Istituzione di un fondo di solidarietà in favore dei collaboratori (allenatori, istruttori, dirigenti, amministrativi) delle Asd e Ssd
  • Sospensione dei canoni di locazione
  • Istituire presso il Ministero dell’Economia e delle Finanza un fondo per le utenze, atto a sostenere la ripresa economica per gli impianti sportivi
  • Ridurre o sospendere il pagamento dei canoni per l’impiantistica sportiva pubblica e privata
  • Istituire presso Sport e Salute un fondo per risarcire i costi sostenuti per la copertura assicurativa dei tesserati (polizza infortuni, polizza Rct) nel periodo di emergenza
  • Sospensione del pagamento delle utenze
  • Sospensione delle imposte relative alla gestione degli impianti
  • Consentire ai tesserati che non hanno potuto fruire degli impianti di dedurre integralmente i costi di abbonamento

Queste misure, senza se e senza ma, se si vuole far ripartire un settore fondamentale per il nostro Paese.

Previous Emergenza Coronavirus: Regione Campania, attività sportiva all'aperto non compatibile
Next ACSI - Nessuna guerra ha fermato lo sport, lo sport ha fermato le guerre

Può interessarti anche

Organizzazione dello sport

CURA ITALIA: Il testo definitivo per lo sport, con le indennità per i collaboratori

Come vi avevamo anticipato nel nostro precedente post oltre alla sospensione dei canoni di locazione per il settore sportivo, il Governo Italiano ha messo in conto anche le indennità per

News

Le impennate di decessi in Italia negli anni 2015 e 2017. Si diceva: “scomparsi come in una guerra”

Nel 2015 ci furono 54.000 decessi in più del 2014, con un incremento di mortalità dell’11%. “La Repubblica” scriveva: Mortalità, impennata misteriosa nel 2015: “Quei 45mila scomparsi come in una

News

Lega Nazionale Dilettanti, dopo il logo arriva il francobollo celebrativo

Lega Nazionale Dilettanti, dopo il logo arriva il francobollo celebrativo La Lega nazionale dilettanti viene istituita nel 1959 ed é l’organizzazione sportiva più grande d’Europa, nel corso degli anni ha