Biden non sarà presidente ma batte Trump nella raccolta fondi per le presidenziali
Novembre 13, 2020 128 Visualizzazioni

Biden non sarà presidente ma batte Trump nella raccolta fondi per le presidenziali

Siamo andati a vedere chi ha finanziato le due campagne per le presidenziali degli Stati Uniti d’America di questo 2020, quindi vi riportiamo una breve descrizione di alcuni sponsor relativi ai due candidati Donald J. Trump e Joe Biden, nonché ai partiti di riferimento Repubblicano e Democratico.

Le elezioni americane del 2020 sembrerebbero costare più del doppio rispetto alle elezioni del 2016, quest’anno infatti si é vista una spesa maggiore rispetto ai due precedenti cicli di elezioni presidenziali messi insieme.

“I donatori hanno versato somme record di denaro nei midterms del 2018 e il 2020 sembra essere una continuazione di quella tendenza, ma ingrandita”, ha affermato Sheila Krumholz, direttrice esecutiva del Center for Responsive Politics. “Dieci anni fa, sarebbe stato difficile immaginare un candidato alla presidenza da un miliardo di dollari. In questo ciclo, probabilmente ne vedremo due”, aggiunge la Krumholz.

fondi, finanziamenti e donazioni delle campagne per le presidenziali USA

OpenSecrets prevede che la spesa federale totale per le elezioni del 2020 si avvicinerà a $ 14 miliardi, affermandosi come l’elezione più costosa nella storia degli Stati Uniti con un ampio margine

Geografia dei finanziamenti dei due candidati

Per il candidato democratico dall’area californiana sono arrivati ben 237,369,353 dollari, il che equivale al 21.2% della cifra totale ricevuta, se guardiamo agli altri stati:

  • New York $169,137,180 (15.1%)
  • District of Columbia $128,064,115 (11.4%)
  • Massachusetts $54,114,949 (4.8%)
  • Altri stati $532,708,949 (47.5%)

Il totale per l’ex vice presidente dell’amministrazione Obama equivale a: 1.122.394,546 miliardo di dollari.

Opensecrets.org Top sector donating to Joe Biden(Campaign + outside groups)

Opensecrets.org Top sector donating to Joe Biden (Campaign + outside groups)

Mentre per il candidato repubblicano, Donald Trump, la cifra anche qui é inferiore, infatti il maggior contributo é arrivato dall’area della Florida con 85,471,453 dollari, e cioé il 12.8% del totale realizzato per singolo stato:

  • Nevada $83,160,556 (12.5%)
  • Texas $64,393,904 (9.7%)
  • California $64,052,026 (9.6%)
  • altri stati $369,668,401 (55.4%)

Il totale che arriva dai singoli stati per l’attuale presidente USA equivale ad una cifra pari a: 667.746,34 milioni di dollari. Dunque una netta differenza con il candidato democratico di addirittura 454.648,206 milioni.

Top sector donating to Donald Trump (Campaign + outside groups)

Opensecrets.org: Top sector donating to Donald Trump (Campaign + outside groups)

Totale raccolta fondi

Riportiamo alcune note curiose delle raccolte fondi dei due candidati:

La campagna del presidente Donald Trump ha ricevuto 51,6 milioni di dollari dai texani, mentre la campagna dell’ex vicepresidente Joe Biden ha ricevuto 36,1 milioni.

Dopo che Joe Biden ha annunciato il senatore Kamala Harris come sua compagna di corsa, i democratici hanno raccolto, solo nelle 48 ore successive, la cifra di 48 milioni di dollari.

Mentre i repubblicani nel giorno del compleanno di Donald Trump (14 giugno), segnavano il miglior giorno di raccolta fondi. La campagna di rielezione di Trump e il Comitato Nazionale Repubblicano hanno raccolto infatti ben 14 milioni di dollari. Un vero record, se pensiamo che il migliore risultato giornaliero del partito con l’elefantino risale addirittura al 2016 con 10 milioni di dollari.

Totale fondi raccolti per le presidenziali 2020 dalla campagna di Biden

Totale fondi raccolti per le presidenziali Biden 2020

Totale fondi raccolti per le presidenziali 2020 dalla campagna di Joe Biden

Totale fondi raccolti per le presidenziali 2020 dalla campagna di Trump

Totale fondi raccolti per le presidenziali 2020 dalla campagna di Trump

Totale fondi raccolti per le presidenziali 2020 dalla campagna di Donald J.  Trump

Nomi importanti per Biden?

Riportiamo anche alcuni nomi importanti dei finanziatori privati, come risulta dalle donazioni ricevute dai comitati Biden Victory Fund e Biden Action Fund:

  • James Murdoch, figlio di Rupert Murdoch ha donato 615mila dollari,
  • Il Ceo della piattaforma cloud Twilio, Jeff Lawson ha donato 620mila dollari,
  • Il co-fondatore di Facebook, Dustin Moskovitz ha donato oltre 600 mila dollari,
  • Steven Spielberg 250mila dollari,
  • il presidente esecutivo della Disney, Bob Iger, ha donato 250mila dollari,
  • George Lucas invece molto meno, addirittura 5.600 dollari,
  • il Ceo di Quibi, Meg Whitman, ha donato 500mila dollari,
  • George Soros presente all’appello con 505.600 dollari,
  • Lukas Walton, nipote del fondatore della catena di supermercati Walmart ha contribuito con 5.600 dollari, una miseria rispetto al suo patrimonio (stimato in circa 16 miliardi di dollari).

 

FONTI

https://www.opensecrets.org/news/2020/10/cost-of-2020-election-14billion-update

https://www.opensecrets.org/2020-presidential-race/joe-biden/geography?id=N00001669

https://www.opensecrets.org/2020-presidential-race/donald-trump/geography?id=N00023864&src=t

https://www.wallstreetitalia.com/joe-biden-i-finanziatori-illustri-da-spielberg-a-soros/

 

Previous L'Argentina scopre l'effetto definitivo del lockdown: più del 40% sotto la soglia della povertà
Next Il Texas ha già rifiutato per tre volte il sistema di voto denunciato da Trump. Vediamo perché

Può interessarti anche

NEWS

Li-Meng Yan: “nuovo Coronavirus (Sars-Cov-2) rilasciato intenzionalmente

Il nuovo Coronavirus é stato definito dalla ricercatrice cinese Li-Meng Yan: un ‘FRANKESTEIN’ a cui sono state aggiunte mani, testa e gambe di altre persone o animali. La dott.ssa dice

NEWS

Elezioni americane: Arriva l’appoggio delle testate giornalistiche per Trump

Mentre Trump firma l’ordine esecutivo che autorizzerà il licenziamento di impiegati federali del livello del dr. Fauci e dei direttori del CDC americano, il ‘New York post‘, il ‘The Boston

NEWS

Trump accusa brogli elettorali: “Abbiamo delle vere e proprie prove schiaccianti”

“Vogliamo che la stampa sia onesta e trasparente. Vogliamo un elezione onesta. Vogliamo uno scrutinio che sia il più corretto possibile. É così che questo paese vincerà, è così che