Come diventare agente dei tennisti
24 Settembre, 2019 1569 Visualizzazioni

Come diventare agente dei tennisti

L’“agente degli atleti FIT” è la persona fisica che, in forza di un incarico a titolo oneroso conferitogli dall’atleta in conformità alla normativa vigente, cura e promuove gli interessi ed i rapporti giuridici economici legati all’attività sportiva dell’atleta (ad esclusione di quelli intercorrenti tra l’atleta e la FIT), scopriamo come diventare agente dei tennisti.

L’agente presta la sua opera di consulenza a favore dello stesso nelle trattative dirette alla stipula di accordi, nonché assistendolo nell’attività diretta alla definizione, alla durata, al compenso e ad ogni altra pattuizione di contratti di prestazione sportiva.

L’agente della Stephens, John Tobais

Il professionista assiste il tennista in costanza di contratto per tutto il periodo della sua durata e cura, altresì, le trattative per eventuali rinnovi degli accordi.

I tennisti possono rivolgersi solo a soggetti iscritti nell’elenco pubblico tenuto presso la Segreteria federale.

La promozione e la tutela degli interessi dei propri assistiti è conferita al singolo iscritto, il quale può avvalersi di dipendenti e collaboratori ai quali può delegare compiti esclusivamente amministrativi, organizzando la propria attività imprenditorialmente.

QUALIFICARSI

Come diventare agente dei tennisti

From left to right: Tennis Australia CEO Craig Tiley, Tennis Australia President Steve Healy, Rod Laver, USTA President Katrina Adams, Jorge Paulo Lemann and TEAM8 CEO Tony Godsick.

Come già preannunciato, solo gli agenti iscritti nell’elenco preposto possono qualificarsi come “agenti degli atleti FIT”.

Al fine di procedere all’iscrizione nell’elenco degli agenti degli atleti, gli interessati possono presentare, in ogni momento dell’anno, domanda d’iscrizione alla Segreteria federale, con le modalità indicando di essere in possesso dei requisiti previsti dal Regolamento per l’esercizio dell’attività di agenti, ovvero:

I REQUISITI

Come diventare agente dei tennisti

From left to right: Jordi Robert, Benito P. Barbadillo, Carlos Moyà, Rafa Maymó, Rafa Nadal, Toni Nadal, Francis Roig, Ángel R. Cotorro, Carlos Costa, Sebastià Nadal

  • Essere maggiorenne e tesserato FIT (per la prima iscrizione, in alternativa, l’impegno a tesserarsi in caso di accoglimento della domanda).
  • Aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado o titolo equipollente.
  • Avere il godimento dei diritti civili e non essere stato dichiarato interdetto, inabilitato, fallito.
  • Nei 24 mesi anteriori alla presentazione della domanda, non avere e non avere avuto rapporti lavorativi, a qualsiasi titolo, centrale o periferico, con la FIT o con eventuali società dalla stessa controllate.
  • Non aver riportato condanne penali passate in giudicato per reati non colposi a pene detentive superiori ad un anno ovvero a pene che comportino l’interdizione dai pubblici uffici superiori ad un anno.

ALTRI REQUISITI

  • Nell’ultimo decennio, salva riabilitazione, non aver riportato squalifiche o inibizioni sportive definitive complessivamente superiori ad un anno da parte delle Federazioni sportive nazionali, delle Discipline sportive associate e degli Enti di promozione sportiva del CONI o di organismi sportivi internazionali riconosciuti.
  • Non aver subito sanzioni di sospensione dall’attività sportiva a seguito di utilizzo di sostanze o di metodi che alterano le naturali prestazioni fisiche nelle attività sportive o per avere in qualsiasi modo favorito in altri l’uso di sostanze dopanti o comunque proibite ai sensi della disciplina antidoping.
  • Non essere in una delle posizioni di incompatibilità previste dallo statuto e riportate nel presente Regolamento.
  • Essere residente in Italia o di avere in Italia una sede ed una stabile struttura organizzativa dedicata all’attività che intende svolgere, in regola con la normativa fiscale italiana.
  • Non aver sottoscritto con alcun atleta eventuali accordi che non siano stati approvati dal Consiglio federale.

La mancanza, o la perdita, di uno dei requisiti su indicati o degli allegati richiesti determina l’impossibilità di dare seguito alla domanda, o l’immediata cancellazione dall’elenco.

ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA

Per rendere un quadro quanto più chiaro possibile circa questa professione, è doveroso precisare che i possessori dei requisiti potranno acquisire la qualifica solo e soltanto a seguito del superamento di una prova d’esame in materia giuridico-sportiva.

Come ad esempio:

  • il diritto di immagine,
  • la contrattualistica,
  • le società di capitali,
  • la normativa fiscale,
  • profili di diritto amministrativo dello sport,
  • i regolamenti correnti della FIT,
  • le norme sportive antidoping.

Scritto da:

Valentina Porzia

L’Avv. Valentina Porzia é specializzata in diritto sportivo. É docente presso l’Università Niccolò Cusano. E’ autrice dei libri “l’agente sportivo” e “Non solo calcio”.

Foto Raccolte da:

Previous Perché le società sportive sono reference model
Next Jack Ma e il sistema educativo

Può interessarti anche

Diritto sportivo

ll GDPR General Data Protection Regulation

ll GDPR General Data Protection Regulation Da qualche giorno è entrato in vigore il Reg. UE 2016/679, ovvero il nuovo Regolamento europeo sulla Privacy che disciplina la protezione e la

Diritto sportivo

Perché bisogna dire no al doping

Vedremo di seguito perché la disonestà nello sport molto spesso non paga, anzi può far solo danni, e soprattutto perché bisogna dire no al doping. Per “doping” si intende l’assunzione

Sport economy

L’Europa e lo sport

Si riporta integralmente la COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI. “Sviluppare la dimensione europea dello sport” COMMISSIONE