Come incordare una racchetta da tennis e qual è il costo
9 Maggio, 2016 Comments 0 17571 Visualizzazioni

Come incordare una racchetta da tennis e qual è il costo

Incordare la racchetta da tennis è un’operazione molto importante perché determina il mantenimento della giusta tensione delle corde; ma anche avere la corda giusta diviene fondamentale, non solo per evitare problemi articolari, ma anche per la riuscita della nostra prestazione; vediamo come incordare una racchetta da tennis e qual è il costo.

A volte ci ritroviamo da soli a pensare a chi rivolgerci, pertanto sono importanti le seguenti scelte:

  • dove incordare,
  • a chi affidare le nostre racchette e corde.

Possiamo dunque eseguire la nostra incordatura:

  • delegando presso il maestro del nostro circolo;
  • portando la nostra racchetta presso un negozio specializzato del settore tennis;
  • andando presso i grossi centri commerciali come ad esempio “Decathlon”, i quali si sono adeguati per offrire servizi sempre migliori e diversificati;
  • facendo da soli, acquistando una macchina incordatrice ed apprendendo l’arte di incordare.

In ogni caso andiamo a vedere e capire alcune cose sull’incordatura di una racchetta.

Incordare la nostra racchetta

Come incordare una racchetta da tennis e qual è il costo

Novak Djokovic guarda dubbioso le corde della sua racchetta

Le cose da ricordare e da verificare quando consegniamo la nostra racchetta sono le seguenti:

1) incordare la racchetta a tensioni basse, tensioni più elevate trasmettono maggiore shock da impatto.

2) Se ci lamentiamo dell’eccessiva spinta delle corde, perché a nostro avviso le corde sono troppo “lente”, impariamo a controllare meglio i colpi, le rotazioni ed a colpire la palla sempre bene davanti al corpo.

3) Facciamoci incordare la racchetta da personale esperto, che conosca i materiali, che conosca le tipologie di incordatura, ma soprattutto possieda eccellente manualità ed una buona macchina incordatrice.

4) La corda non si porta sempre a rottura, va cambiata dopo un tempo limite di ore dal montaggio, e questo vale per tutte le corde, anche multifilamenti e avvolgimenti.

5) Attenzione a come viene posizionata la racchetta sulla macchina incordatrice. I punti d’appoggio (che abbia più punti d’appoggio!) sono necessari per evitare dannosi movimenti del telaio durante l’incordatura.

Se regolati in maniera troppo energica però ovalizzeranno e deformeranno il telaio, allungandolo in maniera anche alquanto evidente.

7) L’incordatura va eseguita preferibilmente a 4 nodi!

Alcune case costruttrici addirittura non garantiscono più il telaio da eventuali rotture, crepature, deformazioni, etc. se non incordato esclusivamente a 4 nodi. E’ comunque indubbio un migliore mantenimento della tensione.

8) Bisogna necessariamente avere una pinza di partenza!

Quanto ci costa incordare la racchetta?

La scritta “DELPO” del giocatore ATP Juan Martin Del Potro ben visibile NEL CUORE del primo telaio. 

Se un top player ATP spende durante i tornei e per ogni incordatura circa 25/30 euro, potremo accontentarci noi comuni mortali di pagare anche 10/15 euro ad una persona più esperta di noi?

Portare ad incordare la racchetta con la nostra matassa di corde presso il nostro maestro/circolo di tennis oppure presso il negozio: con la nostra matassa di corde avremo una spesa media intorno ai 10-15 euro, dipende dalla tipologia di corda, mentre se non abbiamo una nostra matassa di corde avremo una spesa media cha va dai 10 ai 20, anche 25 euro, dipende sempre dalla scelta delle corde.

L’arte dell’incordatore

SISTEMA A TRAZIONE ROTANTE

Se decidete di intraprendere l’arte dell’incordatore Vi preghiamo di seguire un corso formativo IRSA e/o ERSA,  nonché di affidarvi per i primi tempi a personale già specializzato che Vi guidi verso la professione.

Di seguito i link dei siti web dove trovare informazioni sugli enti di formazione per gli incordatori:

Fare apprendistato, a qualsiasi età, non è disonorevole, anzi prepara a non sbagliare e a non fare danni.

Non potrete prescindere dalla conoscenza dettagliata delle corde e delle racchette. Crediamo che non potrete nemmeno tralasciare la conoscenza delle macchine incordatrici, come dei materiali di costruzione delle racchette.

Un bravo incordatore consegna la racchetta al tennista che ne ha richiesto il servizio sempre nello stesso modo, e quindi con:

  • un risultato costante (tensione dinamica),
  • nodi ben fatti,
  • corde non rovinate,
  • nel giusto tempo (si parla di circa 16/18 minuti per ogni racchetta).

Incordare da soli

SISTEMA A TRAZIONE LINEARE

Se un tennista incorda 2/3 racchette al mese a nostro avviso conviene che affidi la sua racchetta a personale dedicato, oppure se proprio viene preso dalla passione per l’arte dell’incordatura allora conviene prepararsi a dovere seguendo qualche corso di formazione, facendosi seguire da chi é più esperto.

Si può scegliere anche di acquistare una macchina incordatrice, a nostro avviso bisognerebbe orientarsi verso una macchina con una buona meccanica e con un motore a trazione costante, il cui prezzo non ci sembra mai inferiore ai 1.000/1.500 euro.

Ma anche su questo punto si potrebbe approfondire perché le macchine a trazione lineare differiscono da quelle a trazione rotante, come differiscono per altre varianti meccaniche ed elettroniche.

Andrea Ippolito

Foto raccolte da:

Previous Il valore educativo dello sport
Next Come scegliere la Corda giusta per la Racchetta da Tennis.

Può interessarti anche

Tennis

Roger Federer: “Novak e Rafa vinceranno più slam di me”

Prima dell’ inizio dell’Australian Open 2020 Roger Federer esprime il suo parere sugli Slam:”…é ovvio che Novak e Rafa vinceranno più titoli dello Slam di me, perché sono bravi ed

Tennis

Slovenia, acqua pubblica e tennis.

Oggi parliamo della Slovenia, nazione che noi tennisti conosciamo anche attraverso Portorose, dove quest’anno si è tenuto il torneo di tennis ATP Challenger Tilia Slovenia Open, con montepremi di 50.000 euro.

Tennis

La Tensione Dinamica nel tennis

La Tensione Dinamica nel tennis (DT) è la forza della pallina richiesta per deflettere di 1 cm il piatto corde nel suo centro (denominato sweetspot = punto d’impatto ottimale del

0 Commenti

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!