CURA ITALIA: Il testo definitivo per lo sport, con le indennità per i collaboratori
Marzo 18, 2020 1066 Visualizzazioni

CURA ITALIA: Il testo definitivo per lo sport, con le indennità per i collaboratori

Come vi avevamo anticipato nel nostro precedente post oltre alla sospensione dei canoni di locazione per il settore sportivo, il Governo Italiano ha messo in conto anche le indennità per i collaboratori sportivi.

All’interno del post troverete l’articolo 95 (che sostituisce il 91) dove viene descritta la “sospensione versamenti canoni per il settore sportivo” che riguarda però solo “il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali”.

Troverete l’articolo 96 (che sostituisce il 92) dove viene descritta la “indennitàper i “collaboratori sportivi”, prevista “nel limite massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020”.

Le domande vanno presentate “unitamente all’autocertificazione della preesistenza del rapporto di collaborazione e della mancata percezione di altro reddito da lavoro, sono presentate alla società Sport e Salute s.p.a.” e sono “in relazione ai rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche”.

Troverete inoltre i due articoli, il 27, dove viene descritta la indennità (600,00 euro per il mese di marzo) ed il 126 per le disposizioni finanziarie.

San Paolo Stadio

Art. 95

(Sospensione versamenti canoni per il settore sportivo)

1. Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive, professionistiche e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, sono sospesi, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 maggio 2020, i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.
2. I versamenti dei predetti canoni sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020.

Art.96

(Indennità collaboratori sportivi)

1. L’indennità di cui all’articolo 27 è riconosciuta da Sport e Salute S.p.A., nel limite massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020, anche in relazione ai rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche, di cui all’art. 67, comma 1, lettera m), del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, già in essere alla data del 23 febbraio 2020. Il predetto emolumento non concorre alla formazione del reddito ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.
2. Per le finalità di cui al comma 1 le risorse trasferite a Sport e Salute s.p.a. sono incrementate di 50 milioni di euro per l’anno 2020.
3. Le domande degli interessati, unitamente all’autocertificazione della preesistenza del rapporto di collaborazione e della mancata percezione di altro reddito da lavoro, sono presentate alla società Sport e Salute s.p.a. che, sulla base del registro di cui all’art. 7, comma 2, del decreto legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito in legge 27 luglio 2004, n. 186, acquisito dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) sulla base di apposite intese, le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione.
4. Con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con l’Autorità delegata in materia di sport, da adottare entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sono individuate le modalità di presentazione delle domande di cui al comma 3, e definiti i criteri di gestione del fondo di cui al comma 2 nonché le forme di monitoraggio della spesa e del relativo controllo.
5. Alla copertura degli oneri derivanti dal presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

il testo in gazzettaufficiale.it

Di seguito l’articolo 27 richiamato nell’art. 96 comma 1 del  “Decreto Cura Italia” e sopra esposto

Art. 27

(Indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa)

1. Ai liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.
2. L’indennità di cui al presente articolo è erogata dall’INPS, previa domanda, nel limite di spesa complessivo di 203,4 milioni di euro per l’anno 2020. L’INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i risultati di tale attività al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al Ministero dell’economia e delle finanze. Qualora dal predetto monitoraggio emerga il verificarsi di scostamenti, anche in via prospettica, rispetto al predetto limite di spesa, non sono adottati altri provvedimenti concessori.
3. Alla copertura degli oneri previsti dal presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Di seguito l’articolo 126 richiamato nell’art. 96 comma 1 del  “Decreto Cura Italia” e sopra esposto

Art. 126
(Disposizioni finanziarie)

1. In relazione a quanto stabilito con le Risoluzioni di approvazione della Relazione al Parlamento, e della relativa Integrazione, presentata ai sensi dell’articolo 6, comma 5, della legge 24 dicembre 2012, n. 243 e successive integrazioni e modificazioni, tenuto conto degli effetti degli interventi previsti dal presente
decreto, è autorizzata l’emissione di titoli di Stato per un importo fino a 25.000 milioni di euro per l’anno 2020. Tali somme concorrono alla rideterminazione in aumento del limite massimo di emissione di titoli di Stato stabilito dalla legge di approvazione del bilancio e del livello massimo del ricorso al mercato stabilito
dalla legge di bilancio, in conformità con la Risoluzione di approvazione. Gli effetti finanziari del presente decreto sono coerenti con quanto stabilito dalle Risoluzioni di approvazione della Relazione al Parlamento, e della relativa Integrazione, di cui al primo periodo.
2. L’allegato 1 all’articolo 1, comma 1, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, è sostituito dall’Allegato 1 al presente decreto.
3. All’articolo 3, comma 2, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, le parole “58.000 milioni di euro” sono sostituite dalle seguenti “83.000 milioni di euro”.
4. La dotazione del Fondo per esigenze indifferibili connesse ad interventi non aventi effetti sull’indebitamento netto delle PA di cui all’articolo 3, comma 3 del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3, è incrementata di 2.000 milioni per l’anno 2020.
5. In considerazione del venir meno della necessità di accantonamento dell’importo dei maggiori oneri per interessi passivi conseguenti alle emissioni di titoli del debito pubblico realizzate nel 2017 in relazione alle disposizioni di cui all’articolo 27, comma 3, del decreto-legge 23 dicembre 2016, n. 237, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 febbraio 2017, n. 15, le risorse del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, sono disaccantonate e rese disponibili, in termini di competenza e cassa, per un importo pari a 213 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2021.
6. All’onere derivante dall’attuazione del comma 1 del presente articolo in termini di maggiori interessi del debito pubblico e agli oneri di cui agli articoli 7, 43, 55, 66 e 105, pari complessivamente a 400,292 milioni di euro per l’anno 2021, a 374,430 milioni di euro per l’anno 2022, a 396,270 milioni di euro per l’anno 2023, a 418,660 milioni di euro per l’anno 2024, a 456,130 milioni di euro per l’anno 2025, a 465,580 milioni di euro per l’anno 2026, a 485,510 milioni di euro per l’anno 2027, a 512,580 milioni di euro per l’anno 2028, a 527,140 milioni di euro per l’anno 2029, a 541,390 milioni di euro per l’anno 2030 e a 492,700 milioni di euro annui decorrere dall’anno 2031, che aumentano, ai fini della compensazione degli
effetti in termini di indebitamento netto e di fabbisogno a 530,030 milioni di euro per l’anno 2021, a 451,605 milioni di euro per l’anno 2022, a 471,945 milioni di euro per l’anno 2023, a 496,235 milioni di euro per l’anno 2024, a 521,305 milioni di euro per l’anno 2025, a 539,655 milioni di euro per l’anno 2026, a 556,785 milioni di euro per l’anno 2027, a 578,555 milioni di euro per l’anno 2028, a 595,215 milioni di euro per l’anno 2029, a 609,465 milioni di euro per l’anno 2030 e a 560,775 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2031, si provvede:
a) quanto a 221,3 milioni di euro per l’anno 2021, a 268,58 milioni di euro per l’anno 2022, a 215,2 milioni di euro per l’anno 2023, a 72,25 milioni di euro per l’anno 2024, a 69,81 milioni di euro per l’anno 2025, a 67,69 milioni di euro per l’anno 2026, a 66,52 milioni di euro per l’anno 2027, a 65,76 milioni di euro per
l’anno 2028, a 65,26 milioni di euro per l’anno 2029 e a 26,58 milioni di euro per l’anno 2030, che aumentano in termini di fabbisogno e indebitamento netto a 230,266 milioni di euro per l’anno 2021, a 273,525 milioni di euro per l’anno 2022 e a 216,023 milioni di euro per l’anno 2023, mediante corrispondente utilizzo di quota parte delle maggiori entrate e delle minori spese derivanti dagli articoli 2, 7,
8, 11, 55, 66 e 74;
b) quanto a 185,30 milioni di euro per l’anno 2021, a 115 milioni di euro per l’anno 2022, a 188 milioni di euro per l’anno 2023, a 351,10 milioni di euro per l’anno 2024, a 390,20 milioni di euro per l’anno 2025, a 401,10 milioni di euro per l’anno 2026, a 421,90 milioni di euro per l’anno 2027, a 449,40 milioni di euro per
l’anno 2028, a 464,30 milioni di euro per l’anno 2029, a 516 milioni di euro per l’anno 2030 e a 494 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2031, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, come incrementato ai sensi del comma 5 del presente articolo;
c) quanto a 116 milioni di euro per l’anno 2021, a 65 milioni di euro per l’anno 2022, a 69 milioni di euro per l’anno 2023, a 74 milioni di euro per l’anno 2024, a 63 milioni di euro per l’anno 2025, a 72 milioni di euro per l’anno 2026, a 70 milioni di euro per l’anno 2027, a 65 milioni di euro per l’anno 2028, a 67 milioni di euro per l’anno 2029 e 69 annui a decorrere dall’anno 2030, mediante corrispondente utilizzo del Fondo per la compensazione degli effetti finanziari non previsti a legislazione vigente conseguenti all’attualizzazione di contributi pluriennali, di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2008 n. 189.
7. Le risorse destinate a ciascuna delle misure previste dal presente decreto sono soggette ad un monitoraggio effettuato dal Ministero dell’economia e delle finanze. Il Ministro dell’economia e delle finanze, sulla base degli esiti del monitoraggio di cui al periodo precedente, al fine di ottimizzare l’allocazione delle risorse disponibili, è autorizzato ad apportare con propri decreti, sentito il Ministro competente, le occorrenti variazioni di bilancio provvedendo a rimodulare le predette risorse tra le misure previste dal presente decreto, ad invarianza degli effetti sui saldi di finanza pubblica.
8. Nel caso in cui, dopo l’attuazione del comma 7, residuassero risorse non utilizzate al 15 dicembre 2020, le stesse sono versate dai soggetti responsabili delle misure di cui al comma precedente entro il 20 dicembre 2020 ad apposito capitolo dello stato di previsione dell’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate al fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato.
9. Le risorse destinate all’attuazione da parte dell’INPS delle misure di cui al presente decreto sono tempestivamente trasferite dal bilancio dello Stato all’Istituto medesimo.
10. Le Amministrazioni pubbliche, nel rispetto della normativa europea, destinano le risorse disponibili, nell’ambito dei rispettivi programmi cofinanziati dai fondi strutturali e di investimento europei 2014/2020, alla realizzazione di interventi finalizzate a fronteggiare la situazione di emergenza connessa all’infezione
epidemiologica Covid-19, comprese le spese relative al finanziamento del capitale circolante nelle PMI, come misura temporanea, ed ogni altro investimento, ivi incluso il capitale umano, e le altre spese necessarie a rafforzare le capacità di risposta alla crisi nei servizi di sanità pubblica e in ambito sociale.
11. Ai fini dell’immediata attuazione delle disposizioni recate dal presente decreto e nelle more dell’emissione dei titoli di cui al comma 1, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio e, ove necessario, può disporre il ricorso ad anticipazioni di tesoreria, la cui regolarizzazione, con l’emissione di ordini di pagamento sui pertinenti capitoli di spesa, è effettuata entro la conclusione dell’esercizio 2020.

Previous Decreto "Cura Italia": le misure a sostegno dello sport per l'emergenza coronavirus
Next Tim Shriver per Special Olympics, "giocate, siate in salute, siate attivi"

Può interessarti anche

News

Il rilevamento dell’RNA virale non significa necessariamente che una persona sia infettiva e in grado di trasmettere il virus a un’altra persona

Mentre l’OMS, in seguito all’analisi di numerose pubblicazioni scientifiche (all’interno del breafing del 9 luglio) mostra ancora forti dubbi sui tamponi, affermando che “Il rilevamento dell’RNA virale non significa necessariamente

ATP & WTA tour

Marat Safin sul virus: è un vero e proprio complotto internazionale

Il mondo oggi é diviso in due, questo oramai sembra chiaro. Dopo il numero 1 del mondo Novak Djokovic anche Marat Safin, già numero 1 del ranking ATP, dice la

News

Alberto Zangrillo: “il virus dal punto di vista clinico non esiste più”

Il Prof. Alberto Zangrillo ha detto qualche giorno fa alla sia alla giornalista Annunziata, durante la trasmissione “Mezz’ora in più”, che in altre trasmissioni televisive, le seguenti parole: “Se vuole