Elezioni USA 2020 e cause legali: I repubblicani si schierano con Donald Trump
Novembre 11, 2020 88 Visualizzazioni

Elezioni USA 2020 e cause legali: I repubblicani si schierano con Donald Trump

Il Partito Repubblicano sostiene la posizione del presidente Donald J. Trump sulle presunte frodi elettorali. Il leader della maggioranza repubblicana al Senato Mitch McConnell e altri esponenti del partito hanno pubblicamente dichiarato di voler sostenere la contestazione della vittoria di Joe Biden in diversi stati.

Come avevamo anticipato più volte, anche in questo nostro post, Joe Biden non é stato ancora eletto 46° presidente degli Stati Uniti d’America, e come dirà lo stesso McConnell: “nessuno stato ha ancora certificato i suoi risultati elettorali”.

McConnell spoke about democrats illegal vote. Trump request

Il leader della maggioranza repubblicana Mitch McConnell

Il leader dei repubblicani USA aggiunge poi che negli USA “il principio cardine non é difficile” e che quindi “tutte le schede legali devono essere contate, inoltre che “tutte le schede illegali non devono essere contate”. Afferma, mettendo un punto chiaro sulla questione, che “il presidente Trump é al 100% nei suoi diritti di indagare le accuse di irregolarità” utilizzando la legge.

Nello stralcio del discorso che segue McConnell ammonisce anche i democratici ricordandogli che se “si sentono sicuri che non siano accadute” irregolarità “non dovrebbero avere alcuna ragione per temere uno scrutinio supplementare”.

McConnell insieme a Donald Trump

President Donald Trump meets with Senate Majority Leader Mitch McConnell, shown left, and House Minority Leader Kevin McCarthy, not shown, in the Oval Office at the White House, Monday, July 20, 2020, in Washington. (AP Photo/Evan Vucci)

Stralcio del discorso di McConnell

“Abbiamo già uno stato o due che sono sulla strada del riconteggio e credo che il presidente abbia sfide legali in partenza in almeno 5 stati…Il processo deve essere trasparente ed osservabile da entrambe le parti ed i tribunali sono qui per risolvere i dubbi.

Le nostre istituzioni sono costruite su questo, abbiamo un un sistema per considerare i dubbi. Il presidente Trump é al 100% nei suoi diritti di indagare le accuse di irregolarità ed utilizzare le sue opzioni legali. Se stavolta una qualche irregolarità fosse accaduta tanto da essere in grado di alterare il risultato allora ogni singolo americano dovrebbe volere che esse vengano portate alla luce. E se i democratici si sentono sicuri che non siano accadute (irregolarità) non dovrebbero avere alcuna ragione per temere uno scrutinio supplementare. Abbiamo gli strumenti e le istituzioni necessari per affrontare ogni preoccupazione.

Non facciamo lezioni. Nessuna lezione su come il presidente avrebbe dovuto immediatamente accettare i risultati preliminari dagli stessi personaggi che hanno passato gli ultimi 4 anni a rifiutare la validità dell’ultima elezione.

 

 

Previous Senato di Berlino: Il test tampone (PCR) non distingue se il virus é in grado di riprodursi
Next Mascherine obbligatorie all'aperto: "evitare obblighi non supportati da prove scientifiche"

Può interessarti anche

Attualità

La manifestazione di Lipsia in Sassonia. In migliaia al grido di “Pace, libertà, niente dittature”

Anche i tedeschi sono scesi in piazza nella città di Lipsia, in Sassonia, per protestare contro le ultime misure di contenimento per il Coronavirus introdotte dalla cancelliera Angela Merkel. Erano

NEWS

Giorgio Armani ed altre maison donano agli ospedali italiani per l’emergenza coronavirus

Il mondo della moda si mobilita per l’emergenza coronavirus, segno di responsabilità, ma anche di consapevolezza. L’Italia merita di vivere e di sopravvivere a questa tragica situazione e si spera

NEWS

Cos’é il Covid-19?

Il nuovo Coronavirus è un nuovo ceppo di coronavirus, precedentemente denominato inizialmente “2019-nCoV”, oggi viene invece chiamato “SARS-CoV-2”. SARS-COV-2 sta per: S = SEVERE A = ACUTE E = RESPIRATORY