FIARPED pubblica il Libro Bianco dell’Assistenza Pediatrica
Gennaio 26, 2020 245 Visualizzazioni

FIARPED pubblica il Libro Bianco dell’Assistenza Pediatrica

Arriva il “Libro bianco dell’assistenza pediatrica” pubblicato dalla FIARPED (Federazione Italiana delle Associazioni e Società Scientifiche dell’Area Pediatrica), che descrive nel dettaglio la situazione dell’assistenza pediatrica italiana.

Renato Cutrera, Presidente FIARPED all’agenzia DIRE: “Sono state evidenziate nel libro anche possibili proposte di soluzioni e di interventi…tutto ciò sarà oggetto di tavoli specifici, per cercare di portare il contributo delle società scientifiche che si interessano di bambini in Italia agli organi istituzionali ed in particolare al Ministro della salute”.

Pensionamento per i pediatri

Nei prossimi anni andranno in pensione 5.289 pediatri, e mentre 2.900 li rimpiazzeranno, c’è ne saranno altri 2.389 che purtoppo mancheranno all’appello.

Si parla sia dei medici dei pronto soccorso che di quelli presenti sul territorio nazionale.

Nel ricoprire il ruolo di medico per bambini dunque, andranno reperiti più dottori.

Bullismo come emergenza

Ma il libro sottolinea anche il bullismo come “emergenza sanitaria”.

A tal proposito riportiamo le dichiarazioni del presidente FIARPED Cutrera al tg1, diffuse dalla pagina facebook della Società italiana di Pediatria: “Sicuramente l’avvento dei social ha portato ad un aumento del bullismo.

Vanno aiutate non solamente le vittime del bullismo, ma anche i soggetti che <fanno il bullismo>.

Perché vuol dire che c’è una necessità di supporto psicologico, di supporto ambientale e sociale, sia della famiglia che dei bambini”

Una fotografia della situazione

Il libro bianco, che é stato presentato qualche settimana fa presso il “Ministero della salute”, ci rende edotti della situazione dell’assistenza pediatrica italiana.

E come riportato dalla stessa FIARPED sull’invito ufficiale: “…per la prima volta fotografa lo stato dell’assistenza pediatrica in Italia: dalla neonatologia all’oncoematologia; dall’emergenza-urgenza alle malattie respiratorie e allergiche sino alla neuropsichiatria e alla chirurgia.

Il Libro Bianco è frutto del contributo di 34 Società Scientifiche e Associazioni che operano nel mondo del bambino e della sua salute.”

Un documento molto preciso e dettagliato per ciascuna area specialistica dove: “…Di certo si evidenzia l’importanza di garantire a ogni neonato, bambino e ragazzo il diritto di essere sempre seguito da uno specialista competente e dedicato all’età evolutiva”.

Sono intervenuti

ROBERTO SPERANZA, Ministro della salute; PAOLO SIANI, pediatra, Deputato; GIORGIO TRIZZINO, pediatra, Deputato; GIOVANNI CORSELLO, Past President FIARPED; RENATO CUTRERA, Presidente FIARPED; ANNAMARIA STAIANO, Vicepresidente Società Italiana di Pediatria; ANTONELLA COSTANTINO, Presidente Società Italiana Neuropsichiatria Infantile; FABIO MOSCA, Presidente Società Italiana di Neonatologia; FEDERICA ZANETTO, Presidente ACP; MARIO LIMA, Presidente Società Italiana di Chirurgia Pediatrica.

Previous Federer procede spedito in questi Australian Open 2020
Next Addio a Kobe Bryant, morto all'età di 41 anni

Può interessarti anche

Attualità

Trump contro i Big Tech: devono essere legalmente responsabili sulla moderazione dei contenuti

Donald J. Trump propone con decisione di spogliare immediatamente i Big Tech delle protezioni della Sezione 230, il Presidente USA ha infatti invitato il Congresso ad abrogare proprio quella parte

Attualità

Forte dissenso per le mascherine obbligatorie a scuola. In Toscana si scrive ai Ministeri e al Garante per l’infanzia

Abbiamo scoperto che nell’area di Pistoia ed in altre zone della Toscana si sono formati comitati a tutela della salute psicofisica dei bambini, ed in un momento così complicato proprio

Attualità

L’uso di disinfettanti e sterilizzatori può aumentare il rischio di cancro alla tiroide

Lo studio del team di ricerca della Yale University ci dice che i lavoratori esposti a sostanze chimiche come deodoranti, disinfettanti e sterilizzatori sul lavoro, possono avere maggiori probabilità rispetto