Il Texas ha già rifiutato per tre volte il sistema di voto denunciato da Trump. Vediamo perché
Novembre 14, 2020 429 Visualizzazioni

Il Texas ha già rifiutato per tre volte il sistema di voto denunciato da Trump. Vediamo perché

Lo stato del Texas, a trazione repubblicana ha già rifiutato per ben 3 volte il “Dominion Voting System democracy suite”, vediamo il perché.

Lo stato in questione é governato dal 2015 da Gregory Wayne “Greg” Abbott, che è un politico, avvocato e giurista statunitense, oltre ad essere membro del Partito Repubblicano.

A dare la notizia del rifiuto dello stato texano di utilizzare “Dominion” é Mike Detmer, già candidato al Congresso degli Stati Uniti per l’8° distretto del Michigan.

Detmer scrive: “Ho appena trovato questo. Il Segretario di Stato per il Texas ha negato l’uso del software Dominion, non una volta, ma 3 volte diverse, compresa questa elezione, perché hanno trovato il software “inaffidabile” e non sicuro da frodi e manipolazione. Il nostro Segretario di Stato, Joslyn Benson ha scoperto che funzionava benissimo!”

Mike Detmer quando dice “il nostro segretario di Stato, Joslyn Benson” si riferisce appunto al Michigan, quindi conferma che in quello stato si é utilizzato “Dominion“.

Il sistema contestato da Donald Trump e rifiutato in Texas

Il sistema di voto che oggi viene contestato da Trump si chiama “Dominion Voting System democracy suite” e lo stato del Texas lo ha rifiutato, come vedremo dalle slide allegate addirittura per 3 volte: nell’anno 2013, nell’anno 2019 e l’ultima volta nel gennaio del 2020.

Nel 2013 viene negata la certificazione dell’utilizzo del sistema per votare.

anno 2013 rifiuto alla certificazione dell'utilizzo del sistema DOMINION per votare in Texas

Anno 2013 – Report of review of Dominion voting system democracy suite 5.5 

Nell’ottobre del 2019 viene ancora una volta negata la certificazione all’utilizzo del sistema Democracy suite 5.5-A. Viene spiegato quanto segue: “I rapporti dell’esaminatore hanno identificato molteplici problemi hardware e software che precludono all’Ufficio del Segretario di Stato del Texas di determinare che il sistema Democracy Suite 5.5-A soddisfa ciascuno dei requisiti del sistema di voto stabiliti nel codice elettorale del Texas. Nello specifico, i rapporti dell’esaminatore sollevano dubbi sull’adeguatezza del sistema Democracy Suite 5.5-A per il suo scopo; opera in modo efficiente e preciso; ed è al sicuro da attività fraudolente o non autorizzata manipolazione. Pertanto, il sistema Democracy Suite 5.5-A e i dispositivi hardware corrispondenti non soddisfano gli standard per la certificazione prescritti dalla sezione 122.001 del Texas Election Code. Di conseguenza, sulla base di quanto precede, con la presente rifiuto la certificazione di Dominion Voting Systems Democracy Suite 5.5-A da utilizzare nelle elezioni in Texas”.

In un altro report del gennaio 2020 viene nuovamente respinto e rifiutato per l’utilizzo delle elezioni nello stato texano.

anno 2020 REPORT OF REVIEW OF DOMINION VOTING SYSTEMS DEMOCRACY SUITE 5.5

anno 2020 REPORT OF REVIEW OF DOMINION VOTING SYSTEMS DEMOCRACY SUITE 5.5

Anno 2020 – Report of review of Dominion voting system democracy suite 5.5 

 

Previous Biden non sarà presidente ma batte Trump nella raccolta fondi per le presidenziali
Next Elon Musk ed i tamponi falsi: "Qual'é l'accuratezza di un test PCR se si eseguono cicli sufficienti?"

Può interessarti anche

NEWS

Napoli canta il grido della libertà e chiama le altre città d’Italia

Dopo l’ultimo DPCM del Governo Conte, che ha seguito l’ordinanza del Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, le persone si sono riversate in strada per protestare. Lo hanno fatto

NEWS

Senato di Berlino: Il test tampone (PCR) non distingue se il virus é in grado di riprodursi

In risposta a una richiesta della Camera dei rappresentanti, l’amministrazione del Senato di Berlino è alquanto poco chiara sulla modalità di azione dei test PCR, ma conferma che i test

NEWS

La Banca Mondiale fornirà fino a 160 miliardi di dollari di finanziamenti per la risposta al Covid-19

In questi giorni, tra le tante ricerche fatte abbiamo trovato alcuni documenti molto interessanti della Banca Mondiale. Da quello che abbiamo capito il gruppo della World Bank fornirà fino a