La manifestazione di Lipsia in Sassonia. In migliaia al grido di “Pace, libertà, niente dittature”
Novembre 10, 2020 183 Visualizzazioni

La manifestazione di Lipsia in Sassonia. In migliaia al grido di “Pace, libertà, niente dittature”

Anche i tedeschi sono scesi in piazza nella città di Lipsia, in Sassonia, per protestare contro le ultime misure di contenimento per il Coronavirus introdotte dalla cancelliera Angela Merkel.

LIPSIA

Lipsia, Sassonia

Erano in migliaia, come possiamo vedere dalla foto di copertina, i manifestanti a Lipsia si sono opposti alla dittatura sanitaria in atto. Alcuni agenti di polizia hanno accompagnato la marcia, mentre i manifestanti cantavano in coro: “Pace, libertà, niente dittature…Merkel deve andarsene”.

La città di Lipsia aveva sciolto inizialmente il raduno a causa delle misure sanitarie, poiché la maggior parte dei manifestanti aveva violato le regole di assembramento. Il portavoce della polizia Olaf Hoppe ha affermato che il 90% dei partecipanti non indossava mascherine. In mattinata il tribunale aveva limitato il numero di partecipanti a 16.000, ma le presenze hanno superato abbondantemente i 20.000 partecipanti.

Lipsia Sassonia

Lipsia, Sassonia. Foto di Markus Knecht

I media tedeschi hanno riferito in TV della presenza di 70mila manifestanti, ma dalle informazioni che abbiamo dai reporter locali le persone erano molto più numerose.

Nel frattempo il Governo tedesco si prepara a dare il via alle misure restrittive, che riguarderanno ristoranti, bar, locali notturni, cinema, teatri, sale concerti e palestre, che dovrebbero chiudere i battenti almeno per un mese.

Lipsia, Sassonia. Foto di Markus Knecht

Lipsia, Sassonia. Foto di Markus Knecht

L’inchiesta al Senato di Berlino solleva dubbi sulla validità del test del tampone PCR

In risposta a una richiesta della Camera dei rappresentanti, l’amministrazione del Senato di Berlino è alquanto poco chiara sulla modalità di azione dei test PCR.

Marcel Luthe

Il Dipartimento della Salute del Senato, in seguito alle domande del deputato Marcel Luthe, che criticava la risposta ad una sua prima interrogazione, ha infatti confermato che i test PCR non sono in realtà in grado di determinare un’infezione.

Dilek Kalayci (SPD) é membro della Camera dei rappresentanti di Berlino e da dicembre 2016. Senatrice per la salute, l'infermieristica e l'uguaglianza

Dilek Kalayci (SPD) é membro della Camera dei rappresentanti di Berlino e da dicembre 2016. Senatrice per la salute, l’infermieristica e l’uguaglianza

Alla domanda del deputato berlinese se “un cosiddetto test PCR” sia in grado di “distinguere tra un virus“ capace di riprodursi ”e un virus che non è in grado di riprodursi”, il Senato ha risposto con un chiaro “no”.

 

La foto della manifestazione di Lipsia sono raccolte tutte da:

Previous Contro le mascherine obbligatorie al banco l'Assessore all'Istruzione delle Marche e la sindaca di Potenza Picena
Next Senato di Berlino: Il test tampone (PCR) non distingue se il virus é in grado di riprodursi

Può interessarti anche

NEWS

Una novità importante per i corsi di laurea in psicologia

Nell’ultima parte del 2019 c’é stata una importante novità per quello che concerne i corsi di laurea in psicologia, infatti é intervenuto anche il MIUR al fine di tutelare la

NEWS

Papa Francesco parla dei piaceri della vita: sesso e cibo

Jorge Bergoglio, alias ‘Papa Francesco’ introduce i piaceri della vita, dal cibo al sesso, li definisce addirittura ‘divini’, infatti dice: “Il piacere di mangiare è lì per mantenerti in salute,

Attualità

Ecco il test sulle mascherine. K-Tipp: “sono piene di batteri e funghi”

La rivista dei consumatori “K-Tipp” ha testato in laboratorio le mascherine di 20 pendolari dei trasporti pubblici di Zurigo, il risultato é a dir poco sconvolgente. Zurigo nel centro della