Le qualifiche nel mondo dello sport
Novembre 6, 2017 6661 Visualizzazioni

Le qualifiche nel mondo dello sport

Come sappiamo le qualifiche nel mondo dello sport non sono necessarie solo per iniziare un’attività di insegnamento nel settore sportivo, ma anche per formarsi in maniera specifica e disciplinare.

Una preparazione generale di carattere scientifico-pedagogico viene oggi acquisita all’interno delle università delle facoltà di Scienze Motorie, mentre un’altra parte specialistica di riferimento per la propria disciplina sportiva all’interno degli enti riconosciuti dal CONI.

Per far fronte alle necessità di una formazione globale e specialistica il CONI ha attivato un insieme di programmi, basati sui 4 livelli della normativa europea in materia :

  • il Piano nazionale di formazione dei quadri sportivi,
  • il Sistema Nazionale di Qualifiche dei Tecnici Sportivi,

Lo scopo era, oltre a quello della formazione dei tecnici sportivi, anche il vedere riconosciuto il percorso/curriculum, nonché l’esperienza acquisita, in qualsiasi altro paese dell’UE.

Chi forma i tecnici?

Gli enti preposti che possono rilasciare qualifiche valide per l’insegnamento delle attività sportive sono:

  1. il CONI,
  2. le FEDERAZIONI SPORTIVE,
  3. le DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE,
  4. gli ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA riconosciuti dal CONI,
  5. dagli altri enti di formazione sportiva riconosciuti da Coni.

Le Federazioni Sportive (F.S.) che poi sono le Federazioni Nazionali (F.N.) e gli Enti di Promozione Sportiva (E.P.S.) riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.), sono garanti della legalità dei propri attestati.

Esse fanno riferimento al Sistema Nazionale delle qualifiche dei Tecnici Sportivi (S.N.a.Q.), previsto dalla Scuola dello Sport del C.O.N.I. e come soggetto accreditato per la formazione del personale della scuola, con iniziative formative riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (M.I.U.R.).

Quali sono le figure professionali riconosciute?

Le figure di insegnanti sportivi riconosciuti sono quelle di Istruttori, tecnici qualificati ed altre figure similari come operatori sportivi e soggetti in possesso, alternativamente, di:

  1. diploma I.S.E.F. e/o Laurea in scienze motorie,
  2. percorso formativo di istruttore o tecnico come disciplinato dalle federazioni o dagli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal C.O.N.I.

Sono valide le qualifiche della altre associazioni?

Spesso capita che alcuni enti mettano nella loro denominazione sociale le parole: federazione nazionale e/o associazione nazionale.

Queste associazioni rilasciano attestati e/o qualifiche in seguito alla frequentazione di un corso a pagamento.

Successivamente stampano i loro diplomi.

Ma le associazioni, società e/o federazioni private che in Italia rilasciano direttamente brevetti o titoli, se non espressamente riconosciute dagli enti riconosciuti dal CONI, daranno ai propri allievi/tecnici soltanto un titolo dal valore associazionistico.

Per gli istruttori, insegnanti e tecnici NON RICONOSCIUTI da Federazioni Nazionali (F.N.) ed Enti di Promozione Sportiva (E.P.S.) riconosciuti dal C.O.N.I., ci sono delle differenze, ne elenchiamo solo una di queste:

  • dal punto di vista fiscale non riceverebbero le agevolazioni previste, riguardo ai compensi relativi ai casi previsti dalla legge n° 133/99 e dalla legge 342/2000, esente da iva ai sensi degli art. 1 e 5, 2° comma del dpr 633/72 e successive modifiche.

Tale titolo, avrà valore nel proprio ambito associativo, quindi sarà spendibile solo ed esclusivamente all’interno dell’associazione che lo ha emesso, inoltre non fornirà nessuna garanzia in ambito legale, fiscale e assicurativo.

Titolo riconosciuto rilasciato da associazione convenzionata con Federazioni e/o Enti di Promozione sportiva, etc.

Le associazioni che si occupano di formazione, se appongono il logo dell’ente, e quindi Federazione Nazionale, Ente di promozione sportiva, etc., al quale sono affiliati, rendono il loro diploma valido.

Ripetiamo: la qualifica rilasciata da queste associazioni per essere valida a tutti gli effetti deve essere collegata direttamente dall’Ente di Promozione Sportiva o Federazione riconosciuta dal CONI, con il quale l’associazione è affiliata e preventivamente ha sottoscritto accordi per divenire uno degli enti di formazione della Federazione Nazionale o Ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI.

 

Foto raccolte da:

Previous La GPTCA a Bettona dal 14 al 16 luglio
Next Insegnanti affascinanti

Può interessarti anche

Educazione allo sport

Coronavirus: Cosa devono fare le società sportive

Misure relative al DCPM 4 marzo 2020 Cosa devono fare le società e le associazioni sportive italiane per l’emergenza coronavirus COVID-19, vediamolo insieme in questo nostro ultimo post. Il decreto

Fisco e sport

La Federazione italiana tennis rispedisce al mittente le contestazioni dei sindacati

La Federazione italiana tennis si esprime sulla questione sollevata dai sindacati Fp Cgil, Cisl FP, Uilpa e Cisal Fial, critici nei confronti dell’Ente che gestisce grande parte del tennis e

Educazione allo sport

L’abbraccio per la cura e la crescita

Ci siamo chiesti se un atleta é più forte se ha ricevuto le giuste cure da piccolo,vediamo dunque perché è importante l’abbraccio per la cura e la crescita. Siamo convinti