Maxibasket Milano, un canestro per Aleppo
12 Febbraio, 2020 218 Visualizzazioni

Maxibasket Milano, un canestro per Aleppo

Costruire un campo sportivo si sa, non é cosa semplice, ma quando si ha un progetto nobile in mente tutto sembra prendere forma in maniera più naturale, così la Maxibasket Milano sogna un canestro per Aleppo.

Dopo varie iniziative solidali, l’associazione sportiva dilettantistica di Milano, prova un progetto senz’altro difficile, ma certamente ambizioso e di grande valore sociale.

I giocatori della Maxibasket Milano sono tutti atleti veterani, si allenano in modo continuativo e disputano regolarmente campionati per le categorie a loro dedicate; sono però anche rappresentati nella nazionale italiana per i World Maxibasketball Championship FIMBA e di altri tornei internazionali.

Crossoversport Milano maxibasket

 

Il progetto “Aleppo in gioco”

Giorgio Papetti e Gabriele Camorani (attuale presidente di Maxibasket Milano), a capo dell’organizzazione di questa iniziativa, hanno strutturato, insieme agli altri soci, la raccolta dei fondi ed hanno inoltre ottenuto la disponibilità di Valerio Bianchini, grande coach italiano, per la formazione didattica degli istruttori in loco.

Grazie alla collaborazione dell’Associazione Maxi Basket, di Over Sport Italia e dell’Associazione pro Terra Sancta si è dato il via ad “Aleppo in gioco“.

Il progetto é stato poi presentato a Milano durante i primi giorni del mese di dicembre 2019, in presenza del vicario apostolico di Aleppo, Mons. George Abou Khazen, nonché dei rappresentanti dell’Associazione pro Terra Sancta, Andrea Avveduto e Teresa Cinquina, nonché degli ex campioni di basket Meneghin e Marzorati. 

Per affrontare la crisi ad Aleppo, dove di recente sono ripresi violenti bombardamenti, oggi sono scesi in campo con noi…

Posted by ATS pro Terra Sancta on Tuesday, December 3, 2019

 

Attraverso l’impegno e la grande disponibilità dell’Associazione Pro Terra Sancta, che già sta portando avanti alcuni progetti per i più giovani, si é scelto Aleppo, anche perché tanti piccoli, traumatizzati dalla guerra, hanno finalmente il desiderio ed il giusto diritto di giocare e ritornare a vivere spensierati.

I francescani oltre a provvedere, a gestire e risolvere le emergenze, hanno dato vita anche ad iniziative per l’istruzione e per lo sport.

Il Franciscan Care Center dona infatti la possibilità ai bambini, che purtroppo hanno vissuto la guerra (per quelli che sono sopravvissuti), di una nuova vita attraverso un percorso di riabilitazione.

La raccolta fondi per Aleppo e l’invio dei coach per la formazione

Un campo vero fatto di spogliatoi e completo di copertura, la Maxibasket Milano tiene così fede al suo statuto, in base al quale ha l’obbligo di svolgere “attività di charity”.

Un’azione di grande attenzione verso il sociale e le politiche sociali, infatti gli “atleti over” devolvono alla solidarietà e ai progetti per i più bisognosi almeno il 5% delle loro entrate.

Crossoversport.it

 

Successivamente alla fase di raccolta però é stata prevista una fase 2 per la formazione del personale dedicato all’insegnamento del basket.

Gli istruttori di basket si occuperanno di formare e preparare gli allenatori locali, gli mostreranno la didattica e le modalità organizzative dei corsi per i bambini.

Come detto sopra, il coach Valerio Bianchini ha dato la sua disponibilità ed altri sono già in lista per spostarsi in Siria.

 

Il progetto nel dettaglio

Un progetto che parte da lontano, quando l’ex giocatore della Simmenthal e Mobilquattro – Xerox, Giorgio Papetti, allora presidente di Maxibasket Milano, incontrò un sacerdote, anch’egli ex giocatore delle giovanili della Simmenthal, don Mario Zaninelli.

Crossoversport.it

 

Don Mario con il trascorrere del tempo non solo é riuscito a portare l’iniziativa in Vaticano, ma addirittura a farla conoscere al Papa.

Dal Comunicato ufficiale:

Beneficiari: un centro di riabilitazione psicologica aperto nel 2018, dove ogni bambino viene seguito attentamente da un team di psicologi.

120 bambini ed educatori nel proprio percorso attraverso varie attività terapeutiche: sport, arte, musica e supporto psicologico.

10 allenatori locali formati da personale qualificato.

Attività sportive presso il Franciscan Care Center:

  • Organizzazione di corsi di basket, minibasket e formazione per gli allenatori in loco da parte di personale specializzato italiano. 
  • Costruzione di due spogliatoi in un’area adiacente ai campi sportivi.
  • Realizzazione di una copertura del campo da basket per garantirne un maggior utilizzo. 

 

Per aiutare i bambini e i ragazzi di Aleppo: 

  • bonifico bancario “Associazione pro Terra Sancta” – Banca Popolare Etica – IBAN: IT56R0501812101000014400444 BIC CODE: CCRTIT2T84A Causale: Aleppo in gioco
  • Con carta di credito, online www.proterrasancta.org

Per maggiori info

La comunicazione della Maxibasket Milano dai suoi canali ufficiali:

Dopo la presentazione al Papa Il progetto “Aleppo in gioco” sta partendo !!!Maxibasket Milano insieme a Over Sport…

Posted by Maxibasket Milano over 55 on Friday, February 7, 2020

 

Foto e file raccolti da:

Previous Il karategi, un salto indietro nel tempo
Next L'Olimpia Milano indosserà i colori che furono dell'ultima squadra di Kobe Bryant

Può interessarti anche

Educazione emotiva

MISA Italia: Prevenire il bullismo con il massaggio a scuola (MISP)

Vediamo che cosa é la MISA Italia, in cosa consiste il MISP, Programma di massaggio nelle scuole, e come “il contatto sano ed emotivamente nutritivo” può prevenire il bullismo. La

Basket

I giocatori NBA onorano Kobe Bryant rinunciando alle loro maglie 8 e 24

I giocatori NBA onorano Kobe Bryant rinunciando alle loro maglie 8 e 24 L’iniziativa parte dal player dei Brooklyn Nets Spencer Dinwiddie che rinuncia alla maglia numero 8 e sceglie

Educazione allo sport

Muoversi a scuola

Aleta Margolis è la fondatrice del Center for inspired teaching di Washington, organizzazione no-profit che si occupa, tra le tante cose, di educazione, e mentre noi restiamo affascinati da questa