Napoli Kobe Memorial Day
Febbraio 6, 2020 274 Visualizzazioni

Napoli Kobe Memorial Day

La città di Napoli rende il suo ultimo saluto a Kobe Bryant. Un intero campo a lui dedicato con dei colori speciali

Domenica 3 febbraio, abbiamo sentito il desiderio ed il dovere di partecipare ad un iniziativa “magica” e speciale, che si é tenuta nella città di Napoli, il “Kobe Memorial Day“.

Il Kobe day é stato organizzato in pochissimo tempo e strutturato in maniera pressapoco impeccabile.

Il luogo dell’evento e della struttura su cui é stato effettuato il restyling, si trova a Napoli, nel quartiere Arenella presso il parco di via dell’Erba – Montedonzelli.

kobe memorial 1

Napoli “Kobe Memorial Day” zona Arenaccia-Montedonzelli, Via dell’Erba

Abbiamo visto un campo da basket rimesso a nuovo, con nuove vernici e nuovi colori, quelli dei Lakers, con un murale che pesa più ogni altra cosa, perché raffigura Kobe, che sta lì quasi a dire: “qui ora ci sono io“.

Abbiamo anche conosciuto e scambiato qualche parola con qualche rappresentante dei Charlatans Basket Napoli A.S.D., con Luca Mazzella di Overtime – Storie a spicchi e Nick Ansom di Venice Basketball League VBL.

Una parentesi importante anche con la presidente del “Comitato di via dell’Erba” che si sta battendo, insieme alle altre associazioni, affinché il campo venga riaperto al pubblico.

 

Un’opera del genere a Napoli può solo fare bene ed essere una fonte di ispirazione inesauribile.

Tanti bambini e ragazzi potranno immedesimarsi nel giocatore Nba che tutti abbiamo visto sui campi di basket più importanti del mondo: Kobe Bryant.

Si scrive da giorni oramai su Kobe Bryant, ma si scriverà di lui e della figlia Gigi ancora a lungo…

Allora la “grandezza” va di pari passo con l’umiltà e la determinazione, cammina insieme all’educazione allo sport, ed ha un solo luogo dove potersi esprimere: un campo da gioco, se possibile giallo-viola..

Napoli “Kobe Memorial Day”, quartiere Montedonzelli

Come si é arrivati al Kobe Day di Napoli

Nick Ansom a poche ore di distanza dall’accaduto a Kobe scrive a “Da Move”  e parla con Lorenzo Pinciroli, descrivendogli il fatto di essere a Napoli e del suo desiderio di voler sistemare e dipingere due campi da basket.

La previsione di Ansom é di riqualificare un campetto a Napoli  ed uno a Los Angeles in modo da renderli collegati ed uniti idealmente…

Leggiamo di Nick (Venice Basketball League VBL) dalla pagina di Da Move , che sostiene: “…come Italia e Los Angeles erano collegate nella vita di Kobe…ho gia’ sentito Jorit…dammi una mano…qualsiasi aiuto”.

Così i Da Move contattano Luca Mazzella di Overtime – Storie a spicchi, i ragazzi di About Basketball, Gianluca GazzoliFisb StreetballBITS festival – Basket in the Street ed il resto é storia.

Diranno i Da Move dai loro canali: “Il supporto da parte di associazioni, amici, ballers e artisti è stato immediato e sentito. Kader KamCharlatans basket Napoli asdGuapaNapoli, Luca Carnevale e tanti altri amici si sono uniti per realizzare questo grande tributo a un campione, Kobe, che è stato e rimarrà un grande esempio per tutti”.

“Nick, ma sei serio? Stai bene? Vuoi pitturare un campo per intero ora, io e te?”, cosi Luca Mazzella di Overtime Basket incredulo durante la sua chiacchierata con Nick…il quale dirà: “Jorit ha quasi finito il murales, ora voglio che si faccia il campo intero e Lore mi ha detto che puoi aiutarmi. Iniziamo ora?”

Poi GuapaNapoli, Charlatans basket e Overtime basket hanno gestito la regolare fruibilità dell’evento assumendone la responsabilità organizzativa.

Il resto é storia…

 

Previous Il Basket Gragnano procede spedito la sua corsa al campionato
Next Il karategi, un salto indietro nel tempo

Può interessarti anche

Arti marziali

Donne ed arti marziali

Nonostante la grande emancipazione femminile sono ancora poche le donne che si dedicano alle arti marziali, eppure sarebbero proprio loro ad averne più bisogno, vediamo allora il nostro: donne ed

Educazione allo sport

Bike to work, pedala guadagnando 0,25 cent a km

Non lo sapevamo ancora, ma il 16 ottobre 2019 é partito ufficialmente il bike to work, pedala guadagnando 0,25 cent a km, il sistema progetto (BOGIA) che incentiva l’utilizzo della

Educazione allo sport

Il maestro che giocava

Mario Lodi é stato un importante innovatore dei metodi scolastici, “il maestro che giocava” ha sempre parlato nei suoi libri solo di quel che faceva con i suoi alunni. Le