Professori vittime del bullismo
Dicembre 21, 2019 219 Visualizzazioni

Professori vittime del bullismo

Il peggioramento dei comportamenti ai quali assistiamo oggi é determinato da un degrado dei valori etici e morali della persona, che porta addirittura a far diventare i professori vittime del bullismo.

I messaggi che maggiormente circolano all’interno della nostra società, non sono messaggi di solidarietà, rispetto ed accettazione dell’altro, ma bensì l’opposto.

Un tempo la scuola era riconosciuta come baluardo di sapere ed educazione, come roccaforte di valori educativi.

Ma perché si é prodotto questo risultato così devastante?

Il bullismo verso coetanei

contro il bullismo politiche sociali

No al bullismo!!

Spesso, capita che, un gruppo di ragazzi, mettendo in pratica la “forza del branco”, individuano come loro vittima prescelta un ragazzo dal carattere più mite, quindi facilmente aggredibile.

Iniziano poi a prenderlo di mira con ripetuti gesti di intimidazione, per poi arrivare anche alla violenza, magari finalizzata ad estorcere qualcosa, tipo soldi oppure oggetti firmati, etc.

Il bullismo verso i professori

Professori vittime del bullismo

Francesco Mandelli bullismo

Francesco Mandelli al Missoni fashion show, Milano 2012

Nel momento in cui tale fenomeno aggredisce anche la categoria dei professori, c’è da porsi non poche domande in merito.

Non possiamo non tirare in gioco anche il difficilissimo ruolo dei genitori, alcuni dei quali hanno un po’ perso le redini del controllo dei propri ragazzi.

Il problema fondamentale all’interno del sistema educativo esercitato dalle famiglie é la perdita di autorevolezza, di autorità e di rispetto.

A tal proposito, riportiamo le dichiarazioni di Francesco Mandelli, noto conduttore di Mtv, attore e conduttore di programmi radiofonici:

Vicende come quelle di questi ultimi giorni mi lasciano attonito, quando andavo a scuola c’era grande rispetto per i professori e in famiglia mi dicevano che le parole dei professori erano vangelo”.

“Temo che ora le famiglie non insegnino più che l’autorità degli insegnanti va rispettata”.

“Però criminalizzare ragazzini di 13, 14, 15 anni non serve, non risolve, bisogna capire da dove arrivano, come nascono i loro comportamenti e intervenire anche sulle cause. Io credo che ogni bullo prima di essere tale sia stato in qualche modo bullizzato”.

Violenza dei genitori sui professori

Come se il fenomeno non fosse drammatico già cosi, succede pure che ci sono genitori che aggrediscono i professori.

A seguito di ripetuti atti di violenza nei confronti dei professori, alcuni dei quali anche gravi, si è sollevato un vero e proprio grido di sdegno nel dire basta da parte della categoria dei professori, i quali hanno strutturato una petizione.

Per disciplinare la situazione anche da un punto legislativo, si è arrivati anche ad una sentenza della Corte di Cassazione, V Sezione Penale, n.15367 del 03 Aprile 2014.

La sentenza n.15367 del 03 Aprile 2014  ha certificato il fatto che se un genitore offende un insegnante è oltraggio, e non solo ingiuria, cosi come invece veniva disciplinato prima.

Quindi oggi si rischia addirittura la pena detentiva.

 

Foto raccolte da:

Previous La durata del contratto di sponsorizzazione
Next Sinisa Mihajlovic ti vogliamo sempre in campo

Può interessarti anche

Basket

“Aleppo in gioco”: presentato il progetto della Maxibasket Milano

Martedì 3 dicembre 2019 é stato presentato il progetto della Maxibasket Milano: “Aleppo in gioco“. Oltre alla presenza di giornalisti ed altre personalità del mondo dello sport, si é vista

Educazione allo sport

L’importante non é vincere ma partecipare

Pierre De Coubertin ci fa capire che l’atleta non deve essere spinto dalla vittoria a tutti i costi, ma deve avere calma, controllo di sé stesso ed energia positiva per

Cultura sportiva

Judo adatto ai bimbi con disturbo dello spettro autistico

Lo sport dovrebbe avere il ruolo di porre tutti nelle stesse condizioni di partecipazione, nessuno dovrebbe sentirsi escluso, oltre a ricevere la possibilità di essere accolto per la sua unicità,